Deroga alle norme sulle distanze minime tra fabbricati

Con la sentenza n. 809 del 27 marzo 2018 il Tar Lombardia ha chiarito che, ai sensi del combinato disposto degli articoli 78 e 79 del dpr n. 380/2001,le opere dirette alla eliminazione delle barriere architettoniche possono essere realizzate in deroga alle norme sulle distanze previste dai regolamenti edilizi, salvo l’obbligo di rispetto delle distanze minime di cui agli artt. 873 e 907 Codice Civile, che prescrivono una distanza minima di 3 metri utile a garantire le giuste condizioni di salubrità e salute.